mercoledì 22 novembre 2017

Segnalazione - TI FARANNO DEL MALE di Andrea Ferrari

Oggi, vi presento il romanzo di Andrea Ferrari, dal titolo "Ti faranno del male".
Andiamo a conoscerlo da vicino!








SINOSSI: Andrea vive in un appartamento protetto del servizio di salute mentale, dentro cui trascorre le proprie giornate quando non lavora come magazziniere o riflette sulla sua condizione vagando per la città. Ormai le donne sono per lui una chimera, non coltiva amicizie e ha una condizione economica precaria. L'uomo è rinchiuso in se stesso e affranto; neanche la pubblicazione del suo primo romanzo, gli dona speranza. Dopo essersi ritrovato, suo malgrado, a vivere in tre diversi ospedali psichiatrici, l'arrivo di Carolina cambierà la sua vita. Questa ragazza dalle vedute antisemite e dai comportamenti particolari, lo condurrà verso situazioni difficili da affrontare. Un romanzo che esaspera la naturale condizione dell'uomo: perché se tutto può andare per il verso sbagliato, quasi sicuramente accadrà. L'opera, seppur inventata, tratta in alcuni casi argomenti ed emozioni vissuti in prima persona dall'autore.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/faranno-del-male-Andrea-Ferrari/dp/8899067767








Eccovene un assaggio!



[...] Quella sera, erano le ventuno circa, sono tornato in casa dopo poche decine di metri. Indossavo una maglia elastica e traspirante, adatta alla corsa; il cielo ero nero, illuminato da quei pochi lampioni che si presentavano sotto casa mia, per poi sprofondare nell’oscurità più assoluta la, nei campi. Dannata casa. Mi trovavo ancora in un appartamento protetto, a vivere a contatto con persone a me estranee e sulla cui sanità mentale si potrebbe avere da obiettare.
La strada era dissestata, con il fango e la ghiaia ai lati. Subito oltre il bordo c’erano due fossati, uno per parte, poi l’erba e infine le coltivazioni. Almeno in quei luoghi si respirava aria non contaminata dall’inquinamento, questo lo posso con-cedere.
Le case si formavano assieme alla via, man mano che ci si avvicinava alla strada principale, quella dominata da una grossa fabbrica per mangimi animali, la Torin. Venivano da ogni parte della provincia per lavorare in quel posto del diavolo.
La Torin aveva dei grossi capannoni paralleli alla via principale e, delle ciminiere alte, chiuse. I silos contenenti i mangimi erano appena più bassi, di color acciaio, senza ruggine, ben tenuti.
Così, quella sera sono rientrato. [...]




L'AUTORE: Nato nel 1986, si diploma geometra e sceglie di continuare gli studi, iscrivendosi a Psicologia. Abbandonata l'università, viaggia per l'Italia per inseguire la sua passione per i concerti. In quel periodo, terrà un diario che pubblicherà sul suo blog personale, seguito da diversi lettori fissi. Nel 2007 per ragioni personali, smette di scrivere. Più avanti comincia a studiare chitarra elettrica e in seguito batteria, nel 2013 riprende con la scrittura e scrive un romanzo. Quell'opera viene ideata durante un ricovero psichiatrico e, una volta spedita, riceve due proposte di pubblicazione. Andrea, non si sente pronto e decide di non portare avanti l'impegno.
Successivamente scrive altri romanzi e vari racconti. Nel 2016 scrive "Odio", che riceve una proposta di pubblicazione dall'editore 96, rue de-la-Fontaine Edizioni, diventando così uno scrittore esordiente.
Nel 2017, a fine gennaio, riceve una proposta di pubblicazione da Edizioni Leucotea per "Ti faranno del male", il suo secondo romanzo.
Attualmente lavora come disegnatore in area tecnica. I suoi scrittori preferiti sono Irvine Welsh e Charles Bukowski. Le sue seconde grandi passioni sono la musica e il cinema.
Contatti:
Official WebSite: http://andreaferrari900.wixsite.com/andreaferrari
Facebook FanPage: https://www.facebook.com/AndreaFerrari.Scrittore
Official Blog: http://odioefollia.blogspot.it/

martedì 21 novembre 2017

Segnalazione - IL DEBITO di Glenn Cooper

Oggi, per le pubblicazioni Casa Editrice Nord, vi presento il nuovo romanzo di Glenn Cooper dal titolo "Il debito".
Andiamo a sbirciare da vicino!







SINOSSI: Forse non è il paradiso, ma per Cal Donovan, docente di Storia della religione, è come se lo fosse. Per ringraziarlo del suo ruolo cruciale nel caso del sacerdote con le stigmate, papa Celestino VI ha infatti concesso a Cal un privilegio straordinario: l'accesso illimitato alla Biblioteca Vaticana e all'Archivio Segreto Vaticano; chilometri di scaffali su cui sono conservati centinaia di migliaia tra manoscritti, documenti antichi e reperti inestimabili. E Cal ne approfitta subito per le sue ricerche su un oscuro cardinale italiano vissuto a metà dell'Ottocento, durante i moti rivoluzionari che avevano sconvolto lo Stato Pontificio. Ed è così che s'imbatte in una lettera privata del segretario di Stato dell'epoca, in cui si fa riferimento a un banchiere e alla necessità di trasferirlo in gran segreto fuori Roma. Nel corso degli anni, Cal ha imparato a fidarsi del proprio istinto e quella strana vicenda lo attira come una calamita. Non può tuttavia immaginare che, dalle pagine ingiallite, emergerà un fatto sconcertante: un ingente debito - mai restituito - contratto in segreto dalla Chiesa con una banca gestita da una famiglia ebrea. Né può prevedere la sorprendente richiesta di Celestino: trovare le prove che quel debito è ancora valido. Ma quali sono le reali intenzioni del papa? Cal non è l'unico a porsi quella domanda. Per alcuni membri della Curia è in gioco la sopravvivenza stessa della Chiesa, e sono pronti a usare qualsiasi mezzo pur di fermare le ricerche di Cal e ostacolare i progetti del papa...

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Il-debito-Glenn-Cooper-ebook/dp/B0751BXQ3Q/







SUL LIBRO:




«Uno degli scrittori più amati dai lettori italiani.»
La repubblica

«Il re americano del thriller storico.»
ttl – La Stampa

«Uno dei più clamorosi casi editoriali degli ultimi anni.»
Wired

«Cooper non permette al lettore di distrarsi. E anche quando arriva alla parola fine, non fa nulla per sciogliere il dubbio che le sue profezie possano avere un solido fondamento.»
Ranieri Polese, Corriere della Sera








L'AUTORE: Glenn Cooper rappresenta uno straordinario caso di self-made man. Dopo essersi laureato col massimo dei voti in Archeologia a Harvard, ha scelto di conseguire un dottorato in Medicina. È stato presidente e amministratore delegato della più importante industria di biotecnologie del Massachusetts ma, a dimostrazione della sua versatilità, è diventato poi sceneggiatore e produttore cinematografico. Grazie al clamoroso successo della trilogia della Biblioteca dei Morti e dei romanzi successivi, si è imposto anche come autore di bestseller internazionali.

lunedì 20 novembre 2017

INTERVISTA A ELISABETTA MOTTA



Ciao Elisabetta, bentornata nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. 

Ciao Linda! E’ con grande piacere che ritorno nel tuo blog a parlare di me e dei miei romanzi, quindi non posso che ringraziarti di cuore. Sono una traduttrice e autrice di romanzi rosa, vivo a Roma ma sono nata a Catanzaro, città in cui ho vissuto fino a 18 anni. Dedico gran parte della mia giornata al lavoro, quindi ho pochissimo tempo per coltivare i miei hobby che sono diversi: il giardinaggio, la cucina, l’arredamento, le decorazioni in genere. A Natale, Pasqua mi sbizzarrisco… E poi mi piace molto apparecchiare le belle tavole. Caratterialmente sono una persona paziente, leale, riservata, estremamente precisa, puntuale, rigorosa. Tutte caratteristiche positive, certo, ma i miei figli aggiungerebbero che sono una rompiscatole. E forse è vero… Pretendo il massimo rigore anche dagli altri e spesso ricevo delle grandi delusioni e arrabbiature. Ma non siamo tutti uguali e il mondo è bello perché è vario, no?

Sei traduttrice e collabori con diversi magazine. Quando si è accesa in te la scintilla della scrittura, e dove trovi il tempo per scrivere?

Il fatto di essere traduttrice e di lavorare in editoria da oltre vent’anni mi ha spianato la strada o, forse sarebbe meglio dire che mi ha spalancato le porte del mondo della scrittura. Il passaggio dal tradurre romanzi rosa a scriverli è stato quasi istintivo, naturale. E mi è piaciuto così tanto che, ho deciso di proseguire, senza ovviamente abbandonare le traduzioni. Scrivo quindi tra una traduzione e l’altra. 
Di solito preferisco concentrarmi su un solo lavoro o un solo progetto. Devo dire che non sempre posso permettermi questo perché ho dei tempi di consegna da rispettare.

Quali sono i tuoi autori preferiti e quanto di loro c’è nei tuoi scritti?

Ce ne sono tanti. Ma adoro in particolare la Steel e Nickolas Sparks. Li leggo, li rileggo, fino quasi ad assorbirne le frasi, lo stile, ma non so quanto influenzano i miei scritti. Pur avendo dei modelli da seguire, cerco di creare uno stile tutto mio, delle trame poco scontate, dei personaggi diversi, anche se non sempre è facile riuscirci. Ma io ogni volta ce la metto tutta.

Esordisci nel 2014, con “Incontro veneziano”. Di cosa si tratta?

"Incontro veneziano" è un romanzo breve, in formato digitale. Una storia d’amore molto dolce e romantica, ambientata a Venezia. È una storia nata con prepotenza dentro di me che ho incominciato a scrivere di getto, senza pensare né immaginare che potesse essere pubblicata. Una storia che oltre ad avere regalato molte emozioni ai lettori, ne ha regalate tante anche a me. Lucy, la protagonista è una ragazza giovane, spensierata che a Venezia trova l’amore, quello con la A maiuscola. Cede alla passione, al fascino del bel Michele ma… Mi fermo, per non raccontare troppo e per non rovinare il piacere della lettura.

Segue “Mora selvatica”. Daccene un assaggio.

Sì, anche "Mora selvatica" è un romanzo breve pubblicato due mesi dopo "Incontro veneziano". Questa volta la storia è ambientata in Costa Smeralda. Conosco bene questa parte della Sardegna e mi affascinano i suoi colori, il paesaggio, i sapori.
Ecco un breve estratto:

[...] Quando furono lontani dal porto, Marco lanciò il panfilo alla massima velocità. Giulia gli restò accanto mentre governava abilmente il timone e controllava la strumentazione sulla plancia, l’aria salmastra che le sferzava il viso. D’istinto, per contrastare i violenti scossoni, si avvinghiò al suo corpo, quasi timorosa di essere portata via dal vento. Lui, tenendo una mano sul timone, le cinse la vita con il braccio libero e la strinse a sé in un gesto protettivo. In poco tempo arrivarono davanti all’isola di Tavolara. 
Marco rallentò e lo scafo dello yacht si abbassò a prua lentamente. «Di fronte a noi c’è una spiaggia incantevole» indicò puntando un dito in avanti. 
«È bianchissima!» esclamò Giulia. «Si respira un’aria profumata di ginepro, rosmarino e lentisco.» 
Marco si avvicinò pian piano alla costa, fino al limite consentito alle grosse imbarcazioni, virò lo yacht verso un’insenatura e azionò il meccanismo per srotolare l’ancora che andò giù per diversi metri prima di toccare il fondale. L’isola si stagliava davanti a loro, con i suoi graniti che sembravano tuffarsi nell’acqua.   

Nel 2015, pubblichi “Tè nero, vaniglia e baci allo zenzero”. Una scrittura sempre attenta ai dettagli la tua, da dove nasce questa particolare propensione per profumi, colori e ambientazioni?

È vero. I dettagli per me sono importanti. Fanno la differenza, si dice. E sono convinta che le belle ambientazioni rendano affascinante una storia. Alcuni miei romanzi hanno preso spunto proprio da un’ambientazione che mi ha particolarmente colpito nella vita reale.
Tè nero vaniglia e baci allo zenzero è un concentrato di profumi, colori e sapori. Leggerlo è come sorseggiare una tazza di tè, caldo, avvolgente, aromatizzato. Provare per credere.

Nel 2016, esce anche “La casa nel blu”. Un romance particolare e introspettivo. Perché il romance?

Ancora una volta ne "La casa nel blu", tornano i colori, i profumi, i sapori. Ci sono paesaggi incantevoli, un’ambientazione particolare e due personaggi che si trovano a dovere fare i conti con una vita non sempre facile. Ma da romance che si rispetti l’happy ending è assicurato.
Come già sapete, io traduco romance. Sono una traduttrice specializzata in questo settore, quindi non potevo che scrivere romance. E poi adoro questo genere perché fa sognare, rende felici, regala puri momenti di evasione e di svago. La vita a volte è difficile, complicata, triste. Quindi, lasciamoci andare ai sogni ad occhi aperti.

Nel 2017, pubblichi “Emozioni a fuoco lento”. Cosa troveranno i lettori al suo interno?

Tante emozioni, naturalmente. Questo romanzo rappresenta il mio esordio in libreria. È stato pubblicato anche in formato cartaceo e coniuga amore e cucina. La storia ruota attorno a una ricetta molto gustosa, il bollito con la pearà (vi consiglio di provarla). Milene, la protagonista, è una ragazza forte, determinata, ambiziosa e Rocco è affascinante, sexy, simpatico e sa sedurre una donna non solo con il suo sguardo e il sorriso accattivante, ma con la sua abilità ai fornelli… Credo ogni donna vorrebbe al proprio fianco un uomo come lui.
E all’interno del romanzo troverete anche una ricetta del bravissimo e creativo Simone Rugiati, testimonial della collana.


https://www.amazon.it/dp/B075NF5FB5/ref=dp-kindle-redirect?_encoding=UTF8&btkr=1


Qual è il tuo rapporto con il cibo?

Il mio rapporto con il cibo direi che è ottimo. Mi piace cucinare, sono una buongustaia, mangio tutto, tranne i capperi. Adoro le minestre, i brodi soprattutto di carne. Quindi non potevo che scegliere per "Emozioni a fuoco lento" il buon bollito con la pearà, una ricetta veneta che sta conquistando il palato di molte lettrici.

Qual è stato l’input per questo libro?
 
È nato tutto da una telefonata. Un giorno mi ha chiamato una persona per me speciale per parlarmi del nuovo progetto editoriale di Leggereditore, Chef per amore. Ho accolto la proposta con molto entusiasmo e mi sono messa immediatamente al lavoro.

Quali tematiche affronti e che messaggio vuoi trasmettere?

Il tema principale, è quello dell’amore, ma non solo l’amore sentimentale tra Rocco e Milene, ma anche l’amore tra madre e figlia, tra nonna e nipote, l’amore per la cucina e l’amore per gli animali.
E poi ho affrontato il rapporto tra amore e carriera. Per amore spesso si compiono delle scelte importanti, come si trova a dovere fare Milene. A volte cuore e carriera seguono direzioni diverse ponendoci di fronte a un bivio e non sempre è facile la scelta della strada giusta. Esistessero tanti Rocco, forse sarebbe tutto meno complicato…
Più che un messaggio da trasmettere, vorrei regalare alle mie lettrici qualche ora di spensieratezza, facendole sognare a occhi aperti.

Progetti in cantiere?

Sì, in cantiere c’è un’altra idea. Spero con tutto il cuore che vada in porto. Incrocio le dita.

È stato un grande piacere ospitarti nel mio blog. In bocca al lupo per tutto!

Crepi il lupo! Il piacere è stato mio. Grazie a te, Linda.

Per seguire Elisabetta  ELISABETTA MOTTA