mercoledì 13 novembre 2019

Segnalazione - L'ARCIERE DELLO SHROPSHIRE di Valentina Piazza

Oggi, vi presento il nuovo romanzo storico di Valentina Piazza, dal titolo L'arciere dello Shropshire.
Andiamo subito a conoscerlo meglio!








SINOSSI: Much Wenlock, 1815.
Nello Shropshire, e più precisamente nella cittadina di Much Wenlock, Lord George Alexander Willoughby, nobile con fama da misogino e arciere infallibile, possiede una lussuosa villa e diversi ettari di terreno. In realtà, il gentiluomo non prova avversione verso tutte le donne, ne ha conosciuta una tanto speciale da determinare il suo trasferimento definitivo.
Resta solo un problema: la ragazza in questione, Miss Gwendolyn Carpenter, non somiglia per nulla alle dame che sono solite occupare i salotti londinesi e che spesso si ritrova svenute tra le braccia.
Dal momento del suo trasferimento, il giovane cuore di Gwen vede nascere sentimenti tumultuosi e contrastanti nei confronti dell’affascinante e irresistibile Lord Willoughby.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Larciere-dello-Shropshire-Valentina-Piazza-ebook/dp/B07ZY8XZMV/







Eccovene un assaggio!



[...] «Lord Willoughby, state attento a non uccidere nessuno» lo avevo avvertito durante un nostro incontro, per poi allontanarmi sorridendo, il nasino dritto in aria.
C’era qualcosa nel Lord Arciere che scatenava il lato più dispettoso del mio carattere. «Caro vicino, le vostre frecce sono spiumate» gli feci notare la seconda volta in cui lo avevo sorpreso a tirare con l’arco.
Ma durante il nostro terzo e ultimo colloquio, forse, avevo esagerato. Accanto a lui, che era intento nella consueta attività sportiva, si ergeva suo fratello Duncan, più giovane di un paio di anni, con una giovinetta. Ricordai che la ragazza osservava Robin Hood con gli occhi sognanti, le gote arrossate e un principio di svenimento, atteggiamento tipico nella nobiltà londinese.
Io, malauguratamente, avevo indossato degli stivali da pesca e dei pantaloni di tela marrone; dritta e fiera riportavo a casa il mio cestino in vimini, ricolmo di pescato fresco. Tutto sommato, con la canna appoggiata alla spalla e le mani sporche, non dovevo essere un bel vedere. A completare la mia immagine da selvaggia, ci avevano pensato i capelli che, a stento trattenuti da un laccio di cuoio, volteggiavano nella brezza serale. Mamma sarebbe morta se mi avesse vista ma, per fortuna, ero sola, e proprio non ero riuscita a trattenermi: «Lord Willoughby, buonasera. Credo che la vostra ospite vi stia per svenire tra le braccia, forse la freccia ha colpito nel segno, stavolta.» [...]








L'AUTRICE: Valentina Piazza ha trentadue anni ed è nata in provincia di Varese. Si è laureata all’Università degli Studi di Milano, a indirizzo Lettere moderne, con una tesi riguardante la storia dell’Inquisizione. Ha lavorato come insegnante di scuola dell’infanzia e come commessa in libreria per alcuni anni. Attualmente vive in provincia di Genova, è sposata e ha due bellissime bambine di quattro e due anni; da un po' fa la mamma a tempo pieno e collabora con il blog: “Romance non stop” per cui scrive recensioni. Ha moltissimi interessi tra cui il disegno, la fotografia e naturalmente la scrittura. Ha scritto diversi romanzi brevi ambientandoli in Scozia, terra che ama.

martedì 12 novembre 2019

Cover Reveal - ONORE E RISCATTO di Fabiana Redivo

Oggi, per le pubblicazioni Dri Editore, ospito la Cover Reveal, dedicata al romanzo di Fabiana Redivo, dal titolo Onore e Riscatto.
Andiamo a conoscerlo meglio!










 
SINOSSI: Colonie occidentali britanniche, 1818.
Per amore di un pirata, Lady Eleanor Blackmore ha voltato le spalle alla famiglia. Non che avesse poi molto da perdere, dato che il padre era ricercato per il tentato omicidio del fratello. Piuttosto che accettare un possibile matrimonio combinato dal nonno, il Duca di Ashton, per riscattare l’onore della famigia, ha preferito affrontare lo scandalo vivendo accanto a René Boscher, il pirata francese che si vanta d’averla addirittura comprata. Quel pezzo di carta esiste davvero e porta la firma del padre di Eleanor. Ma René sa benissimo che non si può comprare una Lady, figuriamoci il suo cuore. E per amore di Eleanor il sanguinario pirata è disposto a fare qualsiasi follia. Perfino a riscattare il proprio di onore. E il riscatto passa attraverso il segreto dei gioielli perduti della regina Maria Antonietta.

DOVE TROVARLO: Dal 18 Novembre su tutti gli Store.










Eccovene un assaggio!







[...] Non le importava nulla di onore e retaggio, di tutto ciò che il perbenismo spicciolo riservava al resto delle donne. A lei importava solo di essere amata con sincerità, perché lo amava davvero. Per quell’amore, sarebbe stata capace di spegnere il sole con un soffio e accendere le stelle con uno sguardo. E mai avrebbe dubitato di lui, perché aveva sentito il suo cuore battere con forza mentre si dichiarava con tanta intensità.












L'AUTRICE: Fabiana Redivo esordisce nel 2000 con il primo volume della saga fantasy "Derbeer dei Mille Anni" edita dalla Nord (il sesto volume "La spada dei Re" vince il Premio Italia nel 2005). Nel 2011 abbandona il lavoro come funzionario giudiziario per dedicarsi completamente alla scrittura.
Oltre ad aver pubblicato numerosi racconti e romanzi di genere fantasy, si è cimentata anche nel genere rosa, di fantascienza e erotico (sotto pseudonimo) sia con case editrici che in self publishing (Amazon). Collabora da alcuni anni con la Dri Editore per cui ha scritto anche romanzi per ragazzi. Esegue lavori di editing.
Per l’associazione DEEP SPACE ONE organizza due premi letterari: il Trofeo Cittadella dedicato al fantasy italiano e il Trofeo Cassiopea dedicato alla fantascienza italiana.
Gran curiosa del mondo, ama la vita all’aria aperta, i viaggi e la musica, passioni che condivide con il marito e con il figlio.

lunedì 11 novembre 2019

INTERVISTA A LAURA CLERICI


Ciao Laura, bentornata nel mio blog. Raccontaci qualcosa di te. 

Ciao Linda, grazie per avermi ospitata di nuovo nel tuo fantastico blog.
Sono nata a Pavia più di quarant'anni fa; da una decina di anni vivo in periferia, fra le campagne e i boschi, insieme a mio marito e a quattro gatti. Amo molto la quiete che sta intorno alla mia casa, passeggiare verso il fiume, ascoltare i rumori della campagna.
Ogni tanto mi piace anche fare qualcosa di più “social”, per esempio canto nel coro della chiesa da quando avevo otto anni. In realtà, si tratta di una corale che fa anche concerti in città e provincia, quindi una attività abbastanza impegnativa.
Poi, adoro leggere e scrivere, ma il tempo è sempre più ridotto a causa del mio lavoro in proprio che è piuttosto impegnativo. Gestisco una mia agenzia di viaggi, quindi sono sempre in giro per il mondo... con il pensiero.

Il diploma in Lingue a e l’impiego presso un’agenzia di viaggi. Dove trovi il tempo per scrivere e quando si è accesa questa tua passione?

Mi è sempre piaciuto scrivere sin da quando ero bambina. La voglia di scrivere un romanzo, o almeno di provarci, mi è venuta cinque anni fa, assistendo alla presentazione della prima opera di una mia cara amica. Mi sono detta “Perchè no?”... allora ero più giovane e sfruttavo tantissimo la notte per scrivere. Ora, grazie anche al fatto che il lavoro si è incrementato parecchio, faccio più fatica a trovare il tempo, ma solitamente prediligo la sera tardi.

Hai anche un’altra predilezione, la natura. Ti è d’ispirazione?

Amo i paesaggi della mia zona, il mare, ma soprattutto la montagna. Descrivo spesso ambienti naturali nelle mie opere, proprio perchè la natura è per me la massima ispirazione: l'odore dell'acqua di un fiume, un tramonto, le rocce che accarezzano il cielo... è normale per me farmi travolgere dalla poesia e dal romanticismo osservando la natura.

Hai autori che consideri tue Muse?

Leggo di tutto e non ho scelto di imitare qualcuno con la mia scrittura. Forse, le prime opere di Clara Sanchez mi hanno aiutato più che altro a scegliere un genere.

Quale libro riposa sul tuo comodino?

Sto leggendo “Oltre l'inverno” di Isabel Allende. 

Generalmente, scrivi noir. Perché questa scelta?

E' il genere che preferisco anche leggere: storie reali dei giorni nostri, con una punta di mistero e tanta, tantissima suspense. Mi piacciono gli intrighi psicologici e le ricerche introspettive, dalle quali magari escano segreti di famiglia e colpi di scena. Ecco, questo è ciò che leggo e che scrivo.

Nel 2014, esce “Acque – Torbidi segreti”. Di cosa si tratta?

Si tratta della mia prima pubblicazione, edita da Butterfly Edizioni che me la accettò e pubblicò. Ricordo quel giorno e la gioia che provai!
“Acque” è ambientato nei luoghi in cui vivo, essendo la prima opera ho voluto descrivere qualcosa che conoscessi bene. Come dicevo prima, la protagonista qui cerca di scoprire qualcosa che riguarda la sua famiglia e lo fa con l'aiuto di incubi terribili che la cambiano profondamente dentro e fuori. E poi c'è una bella storia d'amore.

Nel 2015, pubblichi "Mistral". Lasciacene un assaggio.

[...] Chi sa ballare il flamenco possiede due anime.
Alycia si trovò costretta a imparare quei passi di danza individuale, densi di sensualità e di espressioni primitive che intrecciano legami tra la terra e il cielo. Solo così la sua anima mutò, sdoppiandosi, e si intrise di una passione rara che trasformò la sua vita in un romantico e indissolubile romanzo.
Il flamenco è ritmo, battito di mani e di tacchi che violentano il suolo, sguardi infuocati e penetranti, respiri strozzati da un fiato corto e ansimante, preludio di quella sensazione immane che è il piacere dato dal completamento della fatica.
Il flamenco ti trascina in un vortice impazzito di melodia e ritmo, e ti lascia sfiancato ma appagato di vita. È un elettrizzante amplesso, è la cura ed è la guarigione dopo la malattia.
I capelli neri delle danzatrici, le loro vesti lunghe e colorate, le braccia nude e le mani invitanti... l'apoteosi della femminilità e della sensualità che si sprigiona grazie a un ritmo incalzante che ti trascina via con sé.
Arriverà anche per me la rinascita... e il turbamento di questi flamenchi danzati alla luce della luna mi porteranno finalmente e di nuovo a te. Vivrò fiera la mia femminilità dimezzata, attenderò le tue mani che cercheranno di stringermi a te, ma afferreranno il vuoto... perchè io sarò di nuovo nell'aria, rapita dal ritmo, volteggiando nei tuoi sogni e nei miei. Sentirò la terra sotto ai miei piedi nudi, e il sole farà scivolare i suoi raggi sulla mia pelle, fino al sorgere della luna. Fino al mio ultimo brivido, ebbra di musica e dei tuoi respiri.
 
E, nel 2018, esce "La memoria del Fuoco". Cosa troveranno i lettori al suo interno?

Troveranno la bellissima città di Barcellona e una donna tormentata che aspetta il ritorno del suo uomo. Intrighi, misteri, sparizioni intorno ai carrozzoni di un circo abitato da personaggi singolari. E poi un viaggio, il Cammino per eccellenza, tramite il quale ogni tessera tornerà al suo posto e, al termine del quale, i personaggi avranno fatto soprattutto un intenso cammino interiore.
Non mancano paesaggi bellissimi e descrizioni intense: la galizia è una parte di Spagna davvero unica.
  

https://www.amazon.it/memoria-del-fuoco-Laura-Clerici/dp/8827824197


 
Quali tematiche affronti e quale messaggio vuoi trasmettere?

La ricerca di sé stessi, la fede, il perdono, il viaggio interiore. Voglio trasmettere la consapevolezza che per nessuno è impossibile rinascere dopo una caduta, pentirsi dopo una azione malvagia, tornare a vivere dopo un dolore che sembra irreversibile.

 Qual è stato l’input per questo libro?

Un viaggio organizzato sul lavoro che toccava il Cammino di Santiago. Mi è venuta voglia di raccontarlo e di arricchirlo. E poi volevo parlare di fuoco... il protagonista maschile è il mangiafuoco di un circo, e le fiamme qui hanno la meglio in più di una situazione.
 
Hai qualche progetto in cantiere?

Certamente, anche se il tempo è sempre molto poco.
Vorrei riscrivere il mio primo romanzo "Acque", ormai tolto dalla vendita dalla casa editrice originaria che segue strade diverse; vorrei ri-impaginarlo e fare una nuova copertina.
E poi... ho già l'idea per il mio quarto romanzo che, ovviamente, parlerà di Terra (l'ultimo degli elementi che devo trattare): bisogna solo trovare il tempo per scriverlo.

È stato un grande piacere ospitarti nel mio blog. In bocca al lupo per tutto!

Grazie a te per avermi ospitata, e un grosso saluto a tutti quelli che leggono questo blog.

venerdì 8 novembre 2019

Cover Reveal - BOSS di SC. Daiko

Oggi, per le pubblicazioni Queen Edizioni, ospito la Cover Reveal dedicata al romanzo Boss di SC. Daiko.
Andiamo a conoscerlo nel dettaglio!













SINOSSI: Taras è un boss della mafia russa, un uomo oscuro e pericoloso. Il bene e il male sono sempre in lotta dentro di lui. Quando Zoe viene assunta come tata, non può immaginare in che guai si sta cacciando. Agli occhi di Taras è una ragazza impertinente con la voce di un angelo e il corpo di una dea. Per quanto sia tentato da quella donna, non vuole cedere perché pensa che sia sbagliato. Ma ben presto scoprirà che cosa conta davvero e che le bugie peggiori sono quelle che racconta a se stesso.

DOVE TROVARLO: Dal 26 novembre su tutti gli Store.














L'AUTORE: SC. Daiko, alias Siobhan, è un’autrice britannica pluripremiata di bestseller del genere Contemporary Romance e Suspence Romance. Siobhan ama il mare e nuotare, viaggiare per l'Europa, assaggiare cibi diversi e gustare vino locale. Ha lavorato nella City di Londra e insegnato lingue in una scuola superiore del Galles prima di trasferirsi in Italia, dove tutt'ora vive con suo marito e due gatti. Niente la rende più felice che interagire con i suoi lettori e altri autori.

Review Party - QUELLO CHE NON SO DI TE di Francesca Redolfi


Oggi, per le pubblicazioni Literary Romance, ospito il Review Party dedicato al romanzo Quello che non so di te di Francesca Redolfi.
Andiamo a conoscerlo nel dettaglio!







 




SINOSSI: Samantha non conta più le volte in cui si è precipitata al Pronto Soccorso. Del resto, da anni ormai le parole più usate in casa sua sono “ipocondria” e “psicosomatico”, al contrario di “mamma”, la meno menzionata.Proprio durante uno di questi momenti resta chiusa nell’ascensore dell’ospedale con un medico dagli occhi dello stesso celeste del camice, il solo capace di ritinteggiare di un bel corallo le pareti verdognole del nosocomio. Giulio, questo il suo nome, sembra capitare a proposito, perché Sam ha giurato a se stessa che sposerà un dottore, convinta che solo così potrà guarire dalla sua ipocondria.In una Milano estiva, tra corse al triage e menzogne velate; con una coinquilina chiassosa e due sorellastre che sembrano la copia di Anastasia e Genoveffa, riuscirà Sam a nascondere la sua vera natura di malata immaginaria? E Giulio potrà amarla nonostante tutte le sue fissazioni?

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Quello-che-non-Collana-Literary/dp/8833663531/







Samantha è un'ipocondriaca, lavora come web designer e convive con l'amica Karin.
Un giorno, resta chiusa in ascensore con Giulio, un prestante medico, e niente sarà più come prima.
Terribilmente attratta dall'uomo, lo ricontrerà per caso, e tra i due scoccherà una scintilla destinata a non estinguersi.
Sam, però, si vergogna della sua ossessione e teme che l'uomo possa venirne a conoscenza. Cosa riserva il futuro ai due? Sono destinati a percorrere lo stesso cammino o a separarsi?

L'ambientazione è contemporanea, ci troviamo a Milano e ci muoviamo tra ospedali, abitazioni e luoghi di svago. L'autrice, però, si concentra più sulle dinamiche tra i protagonisti che sulla descrizione degli ambienti.
La caratterizzazione dei personaggi è soddisfacente.
Samantha Ascani è la protagonista femminile. Orfana di madre, ha un padre che lavora in una fonderia, una matrigna e due sorellastre che detesta  e che la considerano una fallita. Ragazza ipocondriaca, perennemente convinta di essere in pericolo di vita ed esageratamente logorroica. Lavora come web designer, vede il mondo a colori e sogna di sposare un medico, visto il suo "problemino".
L'incontro con Giulio le travolgerà la vita, scoprirà un uomo diverso da tutti quelli che ha conosciuto, e anche la sua ossessione per le malattie sembrerà passare in secondo piano.
Proverà un innato interesse per lui, e i due inizieranno a frequentarsi; avrà, così, inizio un viaggio intrsopettivo dentro se stessa tra fobie e scheletri nell'armadio. Il libro riserva anche un colpo di scena relativo alla natura della sua ipocondria, ma non voglio svelare troppo.
Ho molto apprezzato la nota ironica con cui l'autrice ha condito il disturbo della ragazza, la fa apparire meno antipatica agli occhi del lettore.
Giulio è il protagonista maschile. Dirigente medico che esercita in aeroporto, ama la letteratura e ha un sogno nel cassetto: andare a vivere in una casa tra i boschi con la fedele capretta e una compagna.
Giulio è affascinante: occhi azzurri e capelli neri; è lo zio e tutore di Mia, rimasta orfana della madre dopo un incidente stradale; l'incontro con Sam avverrà in ospedale, dentro un ascensore bloccato, di ritorno da una visita alla madre ricoverata.
L'uomo sarà sempre più attratto dalla giovane donna solare e poco incline alle turbe psichiche, a differenza della sorella defunta. Esilarante il loro idillio condito di malintesi e ironia.
Tra i personaggi secondari, evidenziamo Karin: la conquilina di Sam, simpatica e con un'ossessione complulsiva per il fitness; ed Elia, migliore amico di Sam: di origini haitiane, adottato in tenera età dai vicini di casa della ragazza, nutre una vera e propria passione per la Giamaica e possiede un'anima hacker.




'Chiudo gli occhi, godendomi la brezza tiepida di primavera, il canto degli uccellini, e una placida sensazione di sicurezza che mi pervade. Questa sì che è vita. Altro che il brivido di scivolare fuori dalle imbragature, rompersi l’osso del collo e ritrovarsi paraplegico. Sì, certo, forse è un filino noioso. Avrei dovuto portarmi un libro, l’avevo anche inserito nel prontuario delle cose da portare in casi di emergenza. Adesso non c’è nessuna emergenza, però. A parte quella fitta… L’ho sentita chiaramente, poco fa. Era sul lato destro, però – appendicite? O forse sinistro – infarto?'



La struttura del romanzo è particolare, l'autrice associa un colore a ogni capitolo, per raccontare i suoi stati d’animo con le più svariate sfumature. Gioca il tutto sulla lunghezza del testo, tenendo ancorato il lettore all'incognita legata alla storia tra i due protagonisti, sul futuro che li attende.
Siamo di fronte a un romance a tutti gli effetti, con una protagonista singolare. Non compaiono sesso, o scene hot, ma le pagine sono dominate dal romanticismo e da una passione soft.
Le tematiche trattate sono: l'amore vero, il destino, l'ipocondria, le ossessioni che spesso rovinano la vita, i segreti, i rapporti di coppia, la fiducia in se stessi, le malattie e la la rinascita.
Il messaggio tra le righe è relativo alla paura insita in noi: è sempre meglio scegliere la verità alla finzione, perché ciò che siamo esce sempre allo scoperto. Facciamoci conoscere con i nostri veri colori, perché spesso la risposta ai problemi sta proprio nel nostro prossimo che, a volte, può rappresentare la cura migliore.
Consigliato agli amanti dei romance contemporanei, dei romanzi che affrontano anche tematiche importanti come le malattie mentali, a chi ama le storie al femminile e i romanzi sentimentali.
Francesca Ghiribelli
(Editing a cura di Linda Bertasi)


IL VOTO DI FRANCESCA






Francesca Ghiribelli coltiva la passione per la lettura e per la poesia sin dalla tenera età. Gestisce il suo Lit - Blog, dove espone le sue opere e recensisce libri.
Ha ricevuto molti premi a livello nazionale tra cui ricordiamo quello per la silloge "Un'altalena di emozioni" (Bancarella Editrice 2009).
La giovane poetessa è stata nominata Scudiero Guardiano dell'Unione Mondiale dei Poeti per il suo impegno nella letteratura. 
Pubblicazioni:
- Twins Obsession -  Il Diario di una Gemella Ossessione
- Cuore zingaro
- Amore a prima vista