mercoledì 31 ottobre 2018

Segnalazione - ANOUK di Federica Galetto

Per la seconda segnalazione Flower-ed, vi presento il romanzo di Federica Galetto, dal titolo Anouk.
Andiamo a conoscerlo da vicino!









SINOSSI: Anouk è una giovane scrittrice. Dopo la morte dei genitori e il fallimento di una storia d’amore importante, parte per la Scozia invitata da un editore interessato al suo lavoro. Fra Inghilterra, Francia e Scozia, vari episodi si aprono gli uni negli altri, per convergere in un’unica realtà esistenziale, quella di Anouk. L’incalzare di misteriosi avvenimenti e un amore impossibile conducono la protagonista alla ricerca di se stessa e dei propri limiti umani. Fra brume e scogliere perigliose, paesaggi incantati, ricordi e amori struggenti, questo romanzo parla di vita, amore, morte e della terra di mezzo che fra questi regna.

DOVE TROVARLO: http://www.lulu.com/shop/federica-galetto/anouk/paperback/product-23835990.html











Eccovene un assaggio!



[...] Cento anni prima, in un sentiero a poca distanza da dove lei si trovava era scomparso un uomo. Era stato rifiutato dalla donna che amava, così in un giorno di primavera i suoi abiti erano stati trovati ripiegati e puliti sul bordo di un lungo canale che attraversava un tratto di brughiera impervio sopra l’ansa di un bosco. Il suo corpo inghiottito dalla palude era scomparso sotto il cielo bianco lasciando le impronte delle mani e degli stivali a pochi metri dalla morte. Suo padre le aveva raccontato quella storia molte volte e le piaceva ricordarla quando passava di là, guardando il canale con terrore e compassione. Al ritorno a casa, rompendo l’aria fredda di quel mattino, ricoprì di terra la buca dopo avervi seppellito le sue inquietudini. Infine, esausta, si mise seduta alla scrivania e iniziò a scrivere. [...]







L'AUTRICE: Federica Galetto nasce a Torino. Poetessa, scrittrice, artista collagista, traduttrice, appassionata di lingua e letteratura inglese e americana. Nel luglio 2010 pubblica la sua prima raccolta poetica "Scorrono le cose controvento" (Lietocolle Editore), "Stanze del nord" (Onirica Edizioni 2012), la raccolta di racconti "Fuori nevicano rose gialle" scritta con Simonetta Sambiase (Narcissus 2013), "Traducendo Einsamkeit" (Terra d’ulivi 2014). Sue poesie, racconti e traduzioni sono stati pubblicati su diverse riviste, blog letterari e antologie. La sua Poesia è stata citata da Maurizio Cucchi su La Stampa e sulla rivista Poesia. Vincitrice di diversi Premi Letterari, cura con Simonetta Sambiase la Collana di Poesia Exosphere Plaquettes e il blog personale lalepreeilcerchio.wordpress.com
L’autrice vive e lavora in un piccolo villaggio del Monferrato, in Piemonte.

Segnalazione - LA GENTE PER BENE di Marchesa Colombi

Oggi, per le pubblicazioni Flower-ed, vi presento il libro di Marchesa Colombi, dal titolo La gente per bene, secondo volume della collana Bon Ton.
Andiamo a conoscerlo nel dettaglio!



SINOSSI: La Marchesa Colombi si presenta come una vecchia signora che elargisce consigli sulle buone maniere da adottare in ogni circostanza, in famiglia e in società, nei diversi momenti della vita di una persona, da quando nasce a quando diventa vecchia. 
"La gente per bene" fu pubblicato la prima volta nel 1877. Questi gli argomenti trattati:
- Il bimbo
- I fanciulli (Coi parenti – Festa in famiglia – Colle sorelline – Colle persone di servizio – A pranzo – Visite – Inviti – Essendo ospiti in casa altrui – In iscuola – In serata – In chiesa)
- La signorina (In casa – Visite – Pranzi – Balli – Ospiti in casa altrui – Ai bagni ed in villa – Corrispondenza)
- La signorina matura
- La zitellona (Coraggio della sua situazione – Toletta – Divertimenti)
- La fidanzata (Domanda di matrimonio – Contegno coi parenti – Colle amiche – Col fidanzato)
- La sposa (Annuncio delle promesse – Visite – Corredo – Doni nuziali – La sera del contratto – Circolari ed inviti – Al municipio – Colazione – In chiesa – Viaggio di nozze)
- La signora (Ritorno dal viaggio – In famiglia – Visite – Pranzi in casa propria – Pranzi d’invito – Ricevimenti – Balli – Teatri – Ai balli – In campagna – Corrispondenza)
- La madre (Annuncio della nascita d’un bimbo – Battesimo – Ricevimento – Ai pranzi – Presentazione dei bimbi ai conoscenti – Presentazioni delle figliole in società – Civiltà verso i maestri dei figli –Verso i loro amici – Lutto – Casi riservati)
- La vecchia (Invecchiare – Toletta – Suocera – Divertimenti – Ospitalità)
- Gli uomini

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/gente-bene-Bon-Ton-Vol-ebook/dp/B01H7CDTW4/






 Eccovene un assaggio!


[...] La civiltà francese fa della fanciulla una bambola muta, compassata, insignificante, tutta artificio. Le inglesi sono severe, fredde, vaporose. Le americane sono emancipate. Le tedesche sono libere.
Loro sono italiane; hanno lo spirito vivace, l’immaginazione pronta; sono entusiaste ed espansive. Volerle ridurre come automi modellati su figurine straniere, sarebbe una profanazione, una finzione. Siano loro stesse. Ma sappiano contenersi in modo da non meritarsi le censure che hanno udite. Si può essere amabili, schiette, allegre, anche senza staccarsi da quella dignità di contegno che s’addice ad una fanciulla. Il buon senso naturale, ed il naturale decoro, devono guidarle. Io domando soltanto di scrivere sul loro taccuino una massima di Victor Cherbullier. La leggano sempre prima di andare ad un ballo, dove la loro mamma non può udire tutte le parole che scambiano coi ballerini: “Rien ne rafraîchit plus le sang, que le souvenir d’une sottise que l’on n’a pas dite.” [...]







L'AUTRICE: Maria Antonietta Torriani nacque a Novara nel 1840 e morì a Milano nel 1920. Autrice di traduzioni, articoli, romanzi e racconti, fu collaboratrice di Anna Maria Mozzoni, giornalista, pioniera del femminismo in Italia e sostenitrice dei diritti civili delle donne. L’autrice stessa si impegnò nel movimento femminile lombardo, interessandosi in particolare alle condizioni di lavoro delle donne. Marchesa Colombi è il suo pseudonimo letterario, desunto da una commedia di Paolo Ferrari, con cui firmò numerose opere, tra cui "La gente per bene". La Marchesa Colombi si presenta come una vecchia signora che elargisce consigli sulle buone maniere da adottare in ogni circostanza, in famiglia e in società, nei diversi momenti della vita di una persona, da quando nasce a quando diventa vecchia. "La gente per bene" fu pubblicato la prima volta nel 1877.

martedì 30 ottobre 2018

Segnalazione - UNALGIORNO di Benedetta Pati

Oggi, vi presento la silloge di Benedetta Pati, dal titolo Unalgiorno.
Andiamo a conoscerla nel dettaglio!




SINOSSI: La poesia, arte evocativa figlia della musica e della scrittura, racchiude in sé curiosi meccanismi di creazione che la rendono, al giorno d’oggi, una delle forme d’espressione più intime e particolari. Accostando versi ed emozioni, tale arte conferisce alle parole nuovi livelli di profondità e consente di entrare in contatto con una realtà insolita e, in alcuni casi, sconosciuta. Benedetta Pati, scrittrice e attrice salentina impegnata in ambito culturale e teatrale, attraverso un percorso di sperimentazione poetica, fa conoscere al lettore il lato genuino della scrittura in versi; quel lato che, seppur fatto da tecnicismi e ingegnosità, nasconde un sapore semplice e naturale.
Unalgiorno, raccolta di trecentosessantacinque componimenti dallo stile variegato, racconta la storia di un esperimento sociale e letterario in cui l’autrice ha voluto descrivere, giorno per giorno, le emozioni di un anno. Sotto forma di rubrica quotidiana, i componimenti racchiusi in questo manoscritto descrivono dettagliatamente i sentimenti nascosti in un animo umano che, silenzioso e solo, di notte, si ascolta. Versi scritti di getto, parole polisemiche, flussi di pensieri, immagini, dialoghi surreali, riflessioni in prosa, verbi inventati e strutture visive che permettono al lettore di immedesimarsi in un mondo che, scritto da uno e pensato per esser letto da tutti, lascia spazio alle più svariate forme di immaginazione. In ogni scritto c’è un messaggio astratto mutato in tangibile; un’immagine reale descritta e sgretolata; un sentimento umano che si converte in semplice e pura poesia lasciando, in chi legge, un solo desiderio: riconoscersi. 

DOVE TROVARLO: FACEBOOK FANPAGE BENEDETTA PRATI, LIBRERIA LIBERRIMA





Eccovene un assaggio!


Mi hanno detto che devo partire,
tu prova a ricordarmi 
nel profumo del pane caldo 
e quando non ci sarò più 
copriti di panni puliti
e resta in silenzio
nel rumore del mondo.

Mi hanno detto che devo andare,
tu non avere paura.
Pensa a come sarebbe se io, qui,
non ci fossi mai stata.

E' arrivato il momento di andare,
non guardarmi muovere i passi.
Solo, se credi, chiudi il mondo:

chiudi il mondo e vieni con me. 






L'AUTRICE: Benedetta Pati, classe 1993, è una scrittrice e attrice salentina laureata in lingue e letterature straniere e diplomata in arti performative presso l’Accademia Mediterranea dell’Attore. Attraverso brevi componimenti per la scuola, sin da bambina dimostra una spiccata dote per la poesia ed il teatro sino a quando, all’età di 15 anni, grazie al suo primo laboratorio teatrale, non decide di fare dell’arte la sua vita. Pochi mesi dopo diventa membro del Teatro delle Rane con il quale, ad oggi, continua a collaborare in diverse produzioni, ultima delle quali “La Mandragola”, nel ruolo di Lucrezia. 
Nel 2014 si trasferisce a Siviglia per motivi di studio e, un anno dopo, inizia a lavorare come guida turistica a Dublino. 
Rientrata a Lecce nell’autunno del 2016, prosegue gli studi universitari, collabora per diversi mesi con una testata giornalistica locale occupandosi di cultura e spettacolo e, contemporaneamente, frequenta l’Accademia Mediterranea dell’Attore, dove ha la possibilità di lavorare con maestri di fama internazionale e di partecipare a stage e residenze tra le quali il “Festimome”, durante il quale lavora allo spettacolo “Fairground” diretto da Firenza Guidi.  
Nel 2017, partecipa al concorso letterario Italo Calvino con un romanzo inedito e, nello stesso periodo, pubblica con la casa editrice indipendente Libereria la sua prima raccolta di poesie intitolata "Unalgiorno". Attualmente è impegnata nella promozione del libro attraverso un reading – spettacolo accompagnato dalla musica del cantautore salentino Blumosso.  Contemporaneamente, svolge attività di lettura e improvvisazione teatrale per bambini e adolescenti. 
Dal 2016 a oggi, prende parte a diverse produzioni cinematografiche nazionali ed internazionali, assumendo ruoli secondari e primari. Tra i più importanti, nell’estate del 2018, la partecipazione al nuovo videoclip musicale della cantante statunitense LP con "Day by day". 

lunedì 29 ottobre 2018

Review Party - A MARRIAGE CASE di Catherina BC

Benvenuti al Review Party, dedicato al romanzo di Catherine BC, dal titolo A Marriage Case.
Andiamo subito a conoscere meglio questo nuovo lavoro dell'autrice.








  Dania Francella l'ha recensito per noi!


 
 




SINOSSI: Nancy e Nathan sono due persone agli antipodi che con molta probabilità non si sarebbero mai incontrate. Eppure, per uno strano scherzo del destino, finiscono per sposarsi in fretta a Las Vegas. L’inattesa vita coniugale metterà a dura prova i sensi e la razionalità di entrambi, fino a far capire loro che l’amore non segue mai strade maestre. Un romanzo tratto da una storia vera, perché spesso la realtà supera di gran lunga la fantasia.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/marriage-case-Catherine-BC/dp/8894383407







 







L'AUTRICE: Catherine BC nasce e vive in provincia di Verona. Ha partecipato a contest e concorsi organizzati da riviste e siti letterari. Ha scritto diversi racconti e qualche poesia, una delle quali è stata pubblicata su un settimanale femminile. 
PUBBLICAZIONI:
“Sapore proibito” (Forbidden Trilogy)
“Ricatto proibito” (Forbidden Trilogy)
 “Inganno proibito” (Forbidden Trilogy)
“La sindrome di Stendhal”
“Samhain, la soglia” (Delos Digital) 
"La più dolce tentazione” (Rizzoli - Youfeel) 
“Scars – Frammenti di noi” scritto con Emma Altieri. 
 “A marriage case” (Galaxy Publishing)
ANTOLOGIE: “L’amore sa di tappo”
“Changing”. “Pietre leggendarie” (racconto inserito in “Italia. Terra d’amori, arte e sapori”, EWWA)
“Riemergere dal passato”  (racconto inserito in “Racconti dal Veneto”)
“Un nuovo inizio” (racconto inserito in “Halloween’s Novels”)



                                                             RECENSIONE




Nancy è di origini italiane, risiede a Los Angeles e lavora presso la Video Production Company. Il suo lavoro le permette di rimanere negli Stati Uniti ma, per un errore di Madison, il suo direttore, non riesce a ottenere la Green Card. L’unica soluzione che le resta è sposare un cittadino americano. 
Nathan sembra fare al caso suo, deve un grande favore all'amico Madison e accetterà di sposarla.
Le condizioni sono chiare: il matrimonio durerà un anno, poi ognuno andrà per la sua strada.
I due sembrano detestarsi, ma il destino ha deciso diversamente per loro.
Cosa riserverà loro la sorte?

Partiamo dall'ambientazione; ci troviamo in un contemporaneo, e la scena si svolge tra Los Angeles, Las Vegas e la Sicilia. 
La caratterizzazione dei personaggi convince.
I due protagonisti, Nancy e Nathan, non potrebbero essere più diversi tra loro. Nancy è una ragazza seria, affidabile, una gran lavoratrice e senza grilli per la testa; apparentemente timida, nasconde un carattere forte e una personalità passionale. Giorno dopo giorno, imparerà ad apprezzare Nathan, sempre più attratta da lui.
Il protagonista maschile, invece, è il classico bad boy egoista, superficiale e strafottente, che vive di notte e dorme di giorno, passando da una ragazza all’altra senza neanche ricordarsi i loro nomi.
Nathan, però, nasconde ben altro; sotto la scorza è un uomo insicuro, dolce e ferito. I due si ritroveranno ad apprezzarsi, a sostenersi e a fare affidamento l’uno sull’altra.
Madison è un personaggio chiave del testo; amico di entrambi, datore di lavoro di Nancy e novello cupido. Prova un grande senso di protezione per la ragazza e una sorta di reticenza nei confronti di Nathan. 
Di lui non mi è piaciuto il suo professarsi amico e, poi, sottovalutare Nathan, però ho apprezzato il saper andare oltre i pregiudizi e rivalutare le persone, quando gliene verrà data l’occasione. 


 




'La nostra situazione ha già un equilibrio precario: qualsiasi scossone o mossa avventata, dall’una o dall’altra parte, lo altererebbe, facendoci sbattere con il sedere per terra.
Sto per lasciargli la mano, ma lui rafforza la presa.
“Non avere paura, non ti mangio.”
Nei suoi occhi, leggo ancora una muta richiesta di sostegno e non trovo la forza di dire di no
.'








Una storia, questa, che non spicca per originalità, ma apprezzabile per gli scambi tra i due protagonisti e per l’ironia che trasuda dalle pagine. 
Lo stile è semplice, leggero, fluido, idoneo al romance. Molto piacevole la narrazione in prima persona e i differenti POV dei protagonisti; ho preferito la parte maschile, a mio avviso la meglio caratterizzata. 
Personalmente, ho trovato un po' troppo affrettato il passaggio dal detestarsi all'innamorarsi; avrei preferito un più ampio respiro.
Il sesso è presente, soft, intrigante e venato di ironia.
I temi affrontati sono: l'amore, il destino, la paura di mostrarsi e fidarsi dell'altro, le ferite dell'anima e le apparenze.
Il messaggio è relativo proprio a quest'ultima tematica: bisogna saper andare oltre ciò che sembra e non giudicare mai senza prima conoscere.
Consigliato agli amanti dei romance puri e ai sognatori, a chi cerca una lettura piacevole e leggera, per trascorrere qualche ora spensierata. 
A chi ancora non conosce Catherine BC e vuole leggere una brava autrice.
Dania Francella
(Editing a cura di Linda Bertasi)




 IL VOTO DI DANIA






 

Dania Francella nasce nel 1981.
Lettrice compulsiva, nel corso degli anni ha letto quasi tutti i generi letterari: dalla mitologia ai saggi storici, dalla narrativa contemporanea alle biografie, dai legal thriller ai libri d'inchiesta, dai classici ai romance.
Ottimista, sognatrice, romantica e, forse,  troppo empatica. Ama il mare, la montagna e le città d'arte, il calcio, il classic rock, Ligabue, Gaetano e De Andrè; fan appassionata della saga di Star Wars e dei supereroi. 

La sua è una lettura attenta al dettaglio, difficilmente qualcosa le sfugge e le sue recensioni sono sempre accurate e dedite a evidenziare i pregi del testo e dell'autore.