mercoledì 16 gennaio 2019

Segnalazione - L'AMORE CHE MI PORTA A TE di Carmen Bruni

Oggi, per le pubblicazioni Amazon Publishing, vi presento il nuovo romanzo di Carmen Bruni, dal titolo L'amore che mi porta a te.
Andiamo a conoscerlo nel dettaglio!








SINOSSI: Juliette è una ragazza con un atroce segreto, fatto di violenza e dolore. Un mostro l’ha tenuta segregata dentro un lunghissimo incubo, ma ora è finalmente riuscita a scappare. Quando i tre fratelli Astori – proprietari del Paradise Resort di Miami – la trovano coperta di sangue nelle scuderie del loro albergo, decidono di accoglierla e curarla senza pretendere spiegazioni. Leah, la più giovane, aiuta Juliette a ristabilirsi. Cole, il fratello più inquieto, invece non si fida. E poi c’è il bellissimo e misterioso Damian. Anche lui ha un pesante segreto: è stampato sul suo petto, in una serie di orribili e profonde cicatrici, che si estendono fin dentro il suo cuore.
Fra Damian e Juliette nasce subito un’attrazione intensa e irresistibile, che li spinge a cercarsi continuamente e a trovare calore e conforto l’uno nell’altra. Juliette scorge finalmente la speranza di riuscire ad affrontare i propri incubi. Damian trova in Juliette il risveglio dei propri sentimenti.
Due anime tormentate che l’amore renderà capaci di fare i conti con il passato e con quegli oscuri segreti che allungano la propria ombra sul presente.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Lamore-porta-distanze-dellamore-Vol-ebook/dp/B07GWBRFT2












L'AUTRICE: Carmen Bruni è autrice di numerosi romanzi che hanno scalato le classifiche dei selfpublishing di Amazon e si sono fatti conoscere al grande pubblico (Questione di cuore, Fabbri Editori, 2015). Carmen ha lavorato nel settore alberghiero e ha scoperto la propria passione per la scrittura per puro caso: ora non riesce più a farne a meno. Ama i viaggi e le nuove scoperte, e non c’è argomento in cui non vada a ficcare il naso per popolare le proprie storie. 
Il suo blog www.carmenbruniauthor.com è un riferimento importante per gli amanti del romance contemporaneo.

Segnalazione - COME IL MARE IN TEMPESTA di Sara Bezzecchi

Per l'ultima segnalazione Lettere Animate, vi presento il romanzo Come il mare in tempesta di Sara Bezzecchi.
Andiamo a sbirciare nel dettaglio!
 







SINOSSI: Talitha non sa chi sia, né cosa ci faccia su un'isola nel bel mezzo del mare del nord. Non ricorda nulla del suo passato né cosa l'abbia portata fino a lì. Lucas, un biologo marino, è l'unico abitante dell'isola e le ha salvato la vita, soccorrendola nella tempesta. Senza collegamenti con la terra ferma, per colpa del maltempo, sono costretti alla convivenza e tra imbarazzi, vecchie ferite e tentennamenti, riusciranno ad abbassare le loro difese finendo per innamorarsi. Ma il passato di Talitha è torbido e torna a bussare alla loro porta con violenza, mettendo nuovamente in pericolo la vita di Talitha e il suo amore per Lucas.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Come-mare-tempesta-Sara-Bezzecchi/dp/8871124979/













L'AUTRICE: Sara Bezzecchi, nata a Roma nel 1984, vive in provincia di Milano dove lavora nel comparto Contabilità & Finance, per un noto marchio di articoli per la prima infanzia.
La passione per la scrittura è arrivata in seguito, come metodo per esprimere tutto ciò che non riusciva a dire a parole.
Autrice di "E alla fine arrivi tu" ed. 2015 Genesis Publishing.
Co- autrice di "Ti dispiace se ti amo?" ed. 2016 Rizzoli e "Colpita dall’amore" ed. 2017 Delos Digital.

Segnalazione - VIVIENNE: DA ESCORT A MOGLIE "IMPERFETTA" di Lily Rose

Per la seconda segnalazione Lettere Animate, conosciamo meglio il romanzo Vivienne - Da escort a moglie "imperfetta" di Lily Rose.
Andiamo a curiosare!
  







SINOSSI: Vivienne Rose è una donna di trentacinque anni che in seguito ad un incidente, perde la memoria, cancellando gli ultimi cinque anni della sua vita. Scopre di essersi sposata con un fotografo, Andrew, e di essersi trasferita nella periferia di Oxford. Non ricorda nulla della “nuova” vita, i suoi ricordi sono legati agli anni trascorsi a Londra e alla sua professione di escort d’alto bordo. Si ritrova improvvisamente a dover rinunciare a quelle che prima erano le sue priorità: il sesso, lo shopping e la cura del proprio aspetto fisico.
La ricerca dell’identità perduta, la porterà a ripercorrere alcuni aneddoti piccanti della sua professione di escort e a dover fare i conti con alcuni segreti nascosti. Sarà costretta a dover fare una scelta: vestire i panni di Vivien moglie-casalinga oppure quelli di Annabella femme fatal?
 

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Vivienne-escort-imperfetta-Lily-Rose/dp/8871124987/








L'AUTRICE: Lily Rose, moglie e madre di tre figli, nasce in un paese della provincia di Treviso. Si laurea in lingue e letterature straniere con una tesi in storia del teatro e dello spettacolo sull’Amleto di Kenneth Branagh. Durante gli studi universitari trascorre alcuni periodi in Irlanda, Inghilterra e Stati Uniti. La passione per i viaggi e per le ingue straniere la porteranno a fondare un’agenzia di scambi culturali per giovani studenti della Comunità Europea. Insegna inglese presso gli Istituti secondari. Ha recentemente aperto un blog che parla di scrittura, moda e shopping; passioni che emergono anche nel suo romanzo d’esordio.

Segnalazione - CHASING FEELINGS di Leonida Shametaj

Oggi, continuano le pubblicazioni Lettere Animate.
Conosciamo meglio il romanzo Chasing Feelings di Leonida Shametaj.










SINOSSI: È un nuovo anno al Norwest Christian college, e Abbie ha un solo obbiettivo, goderselo, in modo da poter narrare più vicende possibili nel suo diario. Non aveva fatto i conti però, con l'arrivo di Luke nella sua vita. Che non solo scoprirà il suo segreto, ma invaderà totalmente la sua intera esistenza, con i suoi demoni e i colori che avvolgono la sua vita. Fra nuove amicizie, avventure, determinazione nel avverare i propri sogni e una corsa contro il proprio destino, nulla sarà più lo stesso per Abbie.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Chasing-feelings-italiana-Leonida-Shametaj/dp/8871124731/












L'AUTRICE: Leonida Shametaj, ha vissuto i primi anni della sua infanzia in Puglia, trasferendosi poi all’età di sei anni in Abruzzo, dove vive tutt’ora. Il suo primo approccio con la scrittura risale a quando aveva solo dodici anni, in un concorso scolastico. Deciderà solo in seguito di coltivare questa sua passione, pubblicando i suoi iscritto online.

martedì 15 gennaio 2019

Segnalazione - STORIA DI UN MISOGINO di Federico Boccuzzi

Per la quarta pubblicazione Lettere Animate, vi presento il romanzo Storia di un misogino di Federico Boccuzzi.
Andiamo a conoscerlo nel dettaglio!









SINOSSI: Ciò che siamo veramente, la nostra essenza più intima, la nostra anima, si reincarna? Possiamo scegliere di ricominciare per non ripetere all'infinito gli stessi errori? Cos'è veramente la felicità? È giusto rinunciare al proprio benessere per qualcun altro? Tutte queste domande si pongono i singolari protagonisti del romanzo, che sono in sintesi gli stessi quesiti che ognuno di noi si fa nel corso della propria vita. Ognuno di questi personaggi racconterà a suo modo la propria storia, all'apparenza, una diversa dall'altra, ma in realtà tutte unite da un invisibile filo che si snoda da una parte all'altra dell'oceano solcando le infinite profondità dei nostri animi.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Storia-misogino-Federico-Boccuzzi/dp/8871124375/











L'AUTORE: Federico S.L. Boccuzzi è nato il 30 aprile del 1967. Dopo gli studi di elettronica ha lavorato come tecnico in alcune imprese del Nord Italia. La natura e la musica sono state da sempre le sue grandi passioni. Ha studiato al conservatorio Pianoforte e Trombone, passando poi all’insegnamento. Ha aperto una piccola azienda agricola dove, cavalli e altri numerosi animali da cortile lo riunivano spirito e corpo alla vita di campagna. All’età di 37 anni, non più soddisfatto si è trasferito in Argentina. A El Calafate, in Patagonia, ai margini del ghiacciaio Perito Moreno, è proprietario insieme alla moglie di un piccolo B&B e ora, con lei e con i loro tre figli, sta progettando la realizzazione del suo sogno di vivere in modo autonomo sia dal punto di vista energetico che alimentare in un contesto che sia il più possibile immerso nella natura.

Segnalazione - IL CANTO DEL NIBBIO di Andrea Bertozzi / ARLENE di Erin Winter

Per la seconda pubblicazione Lettere Animate, vi presento il romanzo Il canto del Nibbio di Andrea Bertozzi.
Andiamo a sbirciare da vicino!






SINOSSI: L’opera è il resoconto di un anonimo viaggiatore che rifocillandosi all’interno di un’osteria nel centro di Pisa incontra un bizzarro oste che gli propina una vicenda, che lo vede, a suo dire, coinvolto. I fatti si svolgono nel paese di Pianera: un luogo fantomatico della campagna toscana non lontano da Pisa, dove vive Remì. Costui è un giovane che, come molti, si barcamena in un fuori corso universitario, mantenendosi, nel frattempo grazie ad alcuni lavoretti. Siamo alla metà degli anni ’70 (a cavallo tra il mito del mondo nuovo e la sua tragica evoluzione) e Pianera vive le contraddizioni della sonnolenta, ma sorniona, provincia italiana. Tutto cambia quando nel paese avvengono degli inspiegabili accadimenti. Il primo vede come vittima tal Burri (un malevolo ubriacone) che porta scompiglio nel paese e fa “calare” da Roma un ispettore dall’improbabile nome altisonante. Successivamente scompaiono misteriosamente il Batti (al secolo Gherardo Corti, fabbro) e Domenico Mangiafuoco, messo comunale e infine viene assassinata Sara Monaci (la Gatta), scorbutica proprietaria della libreria del borgo e depositaria di una strana storia che vede coinvolto Remì e la sua famiglia. Vicenda su cui “ballano” antiche monete.

DOVE TROVARLO:https://www.amazon.it/canto-del-Nibbio-Andrea-Bertozzi/dp/887112488X/











Ed eccovi la terza pubblicazione Lettere Animate.
Conosciamo meglio il romanzo Arlene di Erin Winter, terzo capitolo della Serie.








SINOSSI: Dopo l'insulto arrecato da Lincoln ad Arlene, Kevin decide di prendere in mano la situazione e di partire per Pittsburgh. Con il maestro ora lontano da Buffalo, in cerca di un accordo politico con Lincoln, tutte le responsabilità restano nelle mani di Arlene e Leo che, seguendo le istruzioni lasciate loro da Kevin, cercano un accordo col locale branco di lupi mannari, guidato da un licantropo aggressivo e bellicoso. Ma non tutti i lupi della città gli sono fedeli e Arlene potrebbe trovare un aiuto inaspettato. L'alleanza coi licantropi è ancora lontana. Per il clan si prospettano decisioni importanti che Kevin intende soppesare con la massima cautela. Ancora una volta Arlene è caduta in un abisso di travolgente passione, cuore e mente contesi da un vortice che intende trascinarla sempre più a fondo.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Arlene-3-Erin-Winter/dp/8871124723/

Segnalazione - LA CASA DELLE BAMBOLE di Katherine Mansfield

Oggi, per le pubblicazioni Lettere Animate, vi presento il romanzo La Casa delle Bambole di Katherine Mansfield, curato da Enrico De Luca.
Andiamo a conoscerlo nel dettaglio!









SINOSSI: "La Casa delle Bambole" (The Doll’s House), apparsa per la prima volta su The Nation nel 1922, è la novella inaugurale della raccolta "The Dove’s Nest and Other Stories" pubblicata postuma nel 1923 a cura di John Middleton Murry, secondo marito dell’autrice. 
Katherine Mansfield (1888-1923) con rapide pennellate ricrea la realtà umana, esaltandone la varietà e la complessità, e criticandone, con un particolare e assai personale senso dell’humour, alcuni atteggiamenti esasperanti.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/casa-delle-bambole-cura-Enrico-ebook/dp/B07MT3RSLG/












L'AUTRICE:Katherine Mansfield (Wellington, 14 ottobre 1888 – Fontainebleau, 9 gennaio 1923) è stata una scrittrice neozelandese.
Nata in una famiglia benestante di Wellington, Nuova Zelanda, pubblicò i primi racconti nel giornale del liceo locale tra il 1898 e il 1899. Si trasferì a Londra nel 1902 dove frequentò il Queen's College. Violoncellista di talento, inizialmente non era molto attratta dalla letteratura. 
Katherine Mansfield è nota soprattutto come autrice di racconti brevi, che iniziò a scrivere fra il 1906 e il 1908.
Nel 1911, Katherine pubblicò la prima raccolta di racconti, "In a German Pension" (da lei poi descritta come "immatura") e venne in contatto con scrittori a lei contemporanei come David Herbert Lawrence e Virginia Woolf.
Dopo aver contratto la Tubercolosi nel 1917, iniziò a trascorrere gli inverni all'estero, soprattutto in Francia e in Italia, senza trarne particolare giovamento.
Due raccolte di racconti la consacrarono una delle voci più originali del Modernismo, "Bliss" (1920) e "The Garden Party" (1922). 


IL CURATORE: Enrico De Luca ha curato per Lettere Animate l’edizione integrale e annotata del celebre romanzo di Lucy Maud Montgomery "Anne di Tetti Verdi".

lunedì 14 gennaio 2019

INTERVISTA A SYBIL DAVON


Ciao Sybil, benvenuta nel mio blog. Il tuo è uno pseudonimo, perché questa scelta letteraria?

Ciao Linda, grazie per avermi accolta!
Ho scelto di utilizzare uno pseudonimo perché desideravo mettermi alla prova, ma non avevo il coraggio di espormi del tutto. Essere Sybil Davon mi ha permesso di trovare la libertà e la sicurezza necessarie a cimentarmi con il self publishing. Mi piace pensare che Sybil sia il lato audace della mia personalità.

Il diploma al Liceo Classico e la frequentazione della facoltà di Giurisprudenza. Quando si è accesa in te la scintilla della scrittura e dove trovi il tempo per scrivere?

La scintilla della scrittura si è accesa presto. È successo alle medie, dopo aver letto “La casa degli spiriti” che, per me, più che un libro è stato una rivelazione. Nessuno come la Allende riesce a mostrare come la scrittura confini con la magia. Ho desiderato ardentemente imparare quest’arte, ma ho aspettato qualche anno prima di sperimentare incantesimi con la penna. Ho iniziato a scrivere racconti al liceo e da allora non mi sono fermata. Adesso, con l’università, è più complicato anche perché io sono davvero pessima nella gestione del tempo e i personaggi non hanno molto rispetto dei manuali di giurisprudenza!

Hai partecipato a diversi premi letterari. Quanto aiutano l’autore a farsi conoscere?

I premi letterari sono un’ottima palestra. Insegnano a rispettare le scadenze, avere la pazienza di aspettare un giudizio e poi rispettarlo. Riguardo al farsi conoscere… temo che solo i premi più importanti diano una certa notorietà e diventino un trampolino di lancio per l’autore. Se sei fortunato, però, ti fanno fare un bel po’ di esperienza sul campo, si cominciano a conoscere gli editori, i contratti, i dietro le quinte dell’editoria e delle librerie.

Quali sono i tuoi autori preferiti e quanto c’è di loro nei tuoi scritti?

Amo gli autori britannici dell’Ottocento: Jane Austen, Charlotte Bronte e Oscar Wilde. ma temo non ci sia nulla di loro nei miei romanzi. Scrivere uno storico rimane uno dei miei sogni nel cassetto e chissà che, prima o poi, non possa darti una risposta diversa.

Qual è il tuo pensiero sul Self Publishing?

Ritengo i Self publishing una risorsa inestimabile per gli autori, perché permette di gestire il proprio lavoro in totale autonomia e arrivare subito ai lettori, con il solo tramite della piattaforma utilizzata. Come ogni risorsa, però, va sfruttata con intelligenza e professionalità. Un romanzo non è solo la “creatura” dell’autore, ma è anche un prodotto commerciale che deve avere determinati standard qualitativi.

Esordisci nel 2018, con  “Di te e di te” un romance natalizio. Cosa troveranno i lettori al suo interno?

Troveranno una ragazza che lavora nella pasticceria di famiglia, Hello Italy, pur sapendo che quella non è la sua strada. Kiki, la protagonista, sembra disillusa, un Grinch alle porte del Natale, ma serba dentro di sé una briciola di romanticismo e sarà proprio quella ad alimentare la sua storia con Chris. Chris McAffy, invece, è un marine, che ha scelto la solitudine per non far pesare la propria assenza e i pericoli del proprio lavoro su nessun altro, in realtà è un uomo sensibile, che forse ha solo bisogno di darsi una possibilità per essere felice. E a fare da sfondo alla storia, le luci di Washington e le montagne innevate del New Hampshire durante le feste di Natale. 

 
https://www.facebook.com/sybil.davon.5


Questo libro fa parte della serie “Hello Italy”, perché una serie?

In realtà, “Di me e di te” doveva essere un volume unico. Durante la stesura, però, un paio di personaggi secondari si sono fatti particolarmente benvolere e mi sono accorta di non poterli lasciar andare senza aver dato anche a loro una storia. E poi c’è Hello Italy, all’apparenza una pasticceria come tante, ma in sostanza è una famiglia, con tutti gli aspetti positivi e negativi che essa comporta: legami di sangue, segreti, complicità, invidie…

Qual è stato l’input per questo romanzo?

Ho iniziato a scrivere “Di me e di te” per la rassegna natalizia di un blog di romance. Mi piaceva l’idea di raccontare una storia impossibile, una di quelle un po’ magiche, che sembra potersi realizzare solo grazie a un Miracolo. Mi sono lasciata trasportare dai personaggi, li ho seguiti da Washington al New Hampshire e mi sono resa conta che il loro viaggio sarebbe stato troppo lungo per essere ospitato in un blog, così Chris e Kiki sono finiti dritti nel primo romanzo di Sybil Davon.

Quali tematiche affronti e che messaggio vuoi trasmettere?

Detesto chi crede che i romance siano romanzi privi di potenzialità. Nel mio romanzo parlo di legami familiari, di amore (ovviamente), ma anche di autorealizzazione. Entrambi i protagonisti sono incastrati in ruoli nei quali non si riconoscono, lei in pasticceria e lui nei marines, perché ad un certo punto della loro vita hanno avuto troppa paura per prendere la direzione giusta. 
Il messaggio che voglio trasmettere è che, se ci si sente soffocare, se ci si sente insoddisfatti, allora bisogna darsi una possibilità per cercare la propria strada. Non sarà facile, né indolore, ma potrebbe davvero valerne la pena. Per questo il romanzo è dedicato “a chi cerca la felicità, nonostante tutto”.

Perché il romance?

Scrivo per gratitudine, perché nei momenti di sconforto i libri mi hanno sempre aiutata e spero, come autrice, di poter ricambiare il favore. Il rosa è un toccasana per l’umore, probabilmente il degno erede delle favole che ci hanno tenuto compagnia da bambine. E poi credo che il romance, per quanto sottovalutato da buona parte della critica (snob), sia un ottimo veicolo anche per messaggi importanti, che si affiancano al lieto fine d’obbligo. Penso al rosa femminista di Roberta Marasco, al rosa sull’autoaccettazione di Cecile Bertod con il suo “Ti amo ma non posso”. Il rosa non si limita a dire alle donne che potrebbero essere le nuove Cenerentola, ma dice alle donne che, se lo vogliono, possono essere chiunque desiderino.

Lasciaci un assaggio del tuo romanzo.

[...] Sta tutto qui il nostro legame.
Condividiamo un tratto di strada, senza sapere se sia quella giusta o sbagliata perché ad un certo punto ci siamo smarriti, siamo tornati sui nostri passi, abbiamo preso scorciatoie che ci hanno costretti a giri immensi. Fino a qui, fino a noi.
E non posso evitare di chiedermi cosa succederà al prossimo bivio, se saremo ancora insieme, se lasceremo ancora due paia di orme oppure la vita vorrà dividerci e questo Natale sarà stato solo un piccolo, magico, intervallo come l’amore tra Adelina e Killian.
Per sempre a volte è un tempo così breve.
Christopher quanto resterai? [...]

Progetti futuri?

Spero di concludere al più presto il secondo romanzo della serie “Hello Italy”, che ho già iniziato a scrivere. Mi piacerebbe concludere la serie entro quest’anno, ma temo serva più disciplina di quanta ne abbia!

È stato un piacere ospitarti nel mio blog. In bocca al lupo per tutto!
Grazie a te, è stato un piacere essere tua ospite!

Per seguire Sybil  SYBIL DAVON

sabato 12 gennaio 2019

TRAILER IN TOUR: DESCENDENS di Alessandra Paoloni . SETTIMA E ULTIMA TAPPA

Benvenuti alla SETTIMA e ULTIMA TAPPA del Trailer in Tour dedicato al romanzo Descendens di Alessandra Paoloni.
 



In questa tappa, ammireremo le fantastiche manipolazioni grafiche della brava Elisabetta Baldan. Foto dal set che verranno trasformate in Arte per gli occhi.
Ma andiamo subito a conoscere qualche dettaglio in più sul romanzo!





SINOSSI: [...] Per Emma, da Marta Vasselli.
Quelle parole scritte a mano da sua nonna sulla busta ingiallita le parevano incise con un inchiostro indelebile che sembrava aver vinto l'incuria del tempo.
Marta Vasselli. Esattamente come era accaduto per il nonno, Emma non aveva conosciuto nemmeno quella donna. Sapeva soltanto che era morta moltissimo tempo addietro. Nessuno le aveva mai parlato di lei, raccontandole di aneddoti o vecchie storie, eppure aveva indirizzato una lettera alla nipote che non aveva mai incontrato. Forse quelle righe le avrebbero indicato la sua eredità. [...]
Un paese alle porte di Roma, una maledizione stregonica, una discendente tanto attesa per compiere chissà quale maleficio. Quando Emma e la famiglia tornano a Tiepole per la morte del nonno Achille Pagliari, la ragazza è ignara del fardello che porta da sempre: lei è la nipote di Marta Vasselli, la strega di cui tutti hanno paura. Suo padre e sua madre non le hanno mai detto la verità, nascondendole il suo futuro come diretta erede di una malefica e crudele strega. A parlarle di quanto ancora non sa di se stessa sono gli occhi dei tiepolesi, la scrutano e la studiano cercando di carpire i segreti occultati dentro di lei, in attesa di vedere compiersi ciò che stanno temendo da anni. Nessuno sa cosa celi questa maledizione, eppure gli abitanti la temono.
Uno spettacolare urban fantasy italiano, dalla penna talentuosa dell’autrice Alessandra Paoloni, dove niente è come sembra e la vera sfida è sopravvivere alla verità. Le sicurezze della vita sono labili certezze da distruggere per scoprire davvero il proprio destino.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/Descendens-Alessandra-Paoloni-ebook/dp/B07FMP42K6/




 


L'AUTRICE: Alessandra Paoloni vive in un paesino alle porte di Roma. Fin da bambina nutre un interesse viscerale per la lettura e per la scrittura, tanto da credere di essere nata con la penna già in mano, pronta a volare in luoghi lontani e mondi diversi con la fantasia. Ama trarre ispirazione dalle piccole cose, anche quotidiane, e non rinuncerebbe mai al freddo autunnale, alla cioccolata calda e a un buon libro. La passione con cui vive la scrittura le ha regalato un percorso editoriale che ha avuto inizio dieci anni fa, un viaggio che dura tuttora e che l’ha vista cimentarsi in tanti generi diversi, senza mai porsi limiti. E chissà dove la porterà la voglia di andare lontano…






LE TAPPE DEL TOUR:





RECENSIONE:


La bellezza di questo romanzo è tutta nella sua semplicità. Un registro di dialoghi ed espressioni che arriva dritto al cuore del lettore. Nonostante vengano narrati fatti surreali, nonostante il mistero ci accompagni per tutta la durata del libro, l'autrice ha il dono di inserirli in un contesto plausibile e mai scontato, arricchendolo con particolari a prima vista insignificanti, ma che donano corposità al testo e lo rendono credibile.
Altro elemento dominante dell'intero romanzo è la maledizione che grava su Tiepole e sui suoi abitanti, caodiuvata da elementi magici: medaglioni, diari nascosti, trasformazioni e apparizioni sconvolgenti. Tutti questi ingredienti incatenano il lettore, ogni pagina è una scoperta, una sorpresa, lo stimolano a proseguire e a scoprire sempre più tasselli dell'intricato puzzle.
Il punto di forza di questo romanzo sono proprio le incognite, i misteri, gli eventi soprannaturali, si passa dal nero al giallo e, non da ultima, una pennellata di 'rosa' che risveglia in Emma il desiderio, il suo essere 'donna' dominato da istinti prettamente umani.
(Continua  QUI)




 DALLE FOTO IN STUDIO ALLA MANIPOLAZIONE



Biblioteca di Marcellina allestita a Studio Fotografico

Trascorso qualche mese dalla fine delle riprese, per niente stanchi di stare insieme e condividere questa avventura, abbiamo deciso di fare delle foto di posa in studio. Proprio come quelle degli attori e dei film. Già. Operazione dal risultato ottimale e dalle risate garantite.
Abbiamo scelto, come luogo per le foto di posa, ancora una volta la Biblioteca di Marcellina. Ci occorreva uno spazio grande, dove poterci muovere indisturbati. Come data abbiamo scelto il 18 novembre, anche se sembra ieri che ci siamo riuniti dopo le riprese per ricalarci nelle atmosfere di Tiepole. I ragazzi sono venuti abbigliati esattamente come la scorsa estate, durante le riprese ad Anticoli Corrado. L'accensione dei riscaldamenti è stata doverosa, visti gli abiti leggeri che indossavano, anche se i faretti utilizzati da Pietro hanno scaldato abbastanza l'ambiente.

Pietro Lenci mentre lavora

Pietro è stato magistrale con una fotocamera in mano, così come lo era stato con le sue videocamere.
Per le scene di posa abbiamo scelto prima delle foto singole dei personaggi, poi delle foto a coppia e, infine, una foto di gruppo dei ragazzi Maledetti di Tiepole. Mancava all'appello quel giorno, per motivi personali, Gabriele/Lorenzo al quale ho chiesto di fare delle foto con sfondo neutro, a parte.
Ancora una volta i ragazzi sono stati meravigliosi. Si sono messi a disposizione per realizzare un servizio fotografico serio e professionale. E dire che mai nessuno di loro aveva fatto un lavoro del genere prima!



Pietro Lenci che suggerisce le pose ad Andrea/Christian



Ma perché abbiamo deciso di fare le foto e a cosa serviranno? Le foto di posa verranno utilizzate soprattutto per pubblicizzare il booktrailer. Saranno strumenti di pubblicizzazione e marketing e ne verranno fatti poster, cartoline e quanto altro.
Le foto sono servite anche a dare volti e fisicità a personaggi rimasti sempre sulla carta che sono diventati, grazie al booktrailer, reali e di carne. E, poi, è doveroso far conoscere la bravura e l'impegno di ragazzi che hanno fatto proprio il mio sogno. È giusto che abbiano il loro momento di notorietà, visto il tempo e il lavoro che hanno impiegato per seguirmi e interpretare i ruoli che ho assegnato loro.
Le foto, una volta scattate, sono state inviate alla grafica Elisabetta Baldan per essere manipolate al computer. L'effetto finale è quello di avere tra le mani delle foto promozionali cinematografiche, con effetti speciali e fondali fantastici. La Baldan ha fatto un ottimo lavoro anche stavolta, e a lei vanno i miei ringraziamenti. 





I ragazzi in posa, a eccezione di Gabriele/Lorenzo


Insomma, le foto di posa sono state l'occasione per riaccendere una macchina che in realtà non si era mai spenta. 
Ringrazio ancora una volta tutto il team che si è prestato anche per questa nuova e affascinante avventura, e vi mostriamo tre poster promozionali: Christian Costantini/Andrea Di Santo, Christian ed Emma/Sarah Lenci, e una foto di gruppo dei Maledetti.

Alessandra Paoloni Scrittrice 




Christian ed Emma

Christian/Andrea

I ragazzi Maledetti

Auguro a voi tutti una Buona Lettura e non perdiamoci domani il fantastico Booktrailer di Descendens.