martedì 8 settembre 2015

IL SALOTTO DI CASSANDRA - Recensione - ABBRACCIAMI PIU' FORTE di Marilena Boccola


Inauguriamo questa sezione dedicata alle recensioni di Ebook a cura di CASSANDRA WOX con il romanzo di Marilena Boccola dal titolo "Abbracciami più forte". 

  
     





SINOSSI: Simone è il neo direttore di un’importante Fondazione bancaria; tuttavia, il successo professionale non riesce a ripagarlo dall’amarezza che gli ha lasciato la relazione con la direttrice alla quale è succeduto. Ora che lei se ne è andata, non si sente ancora pronto a cedere all’attrazione che in fondo prova per Martina, una ragazza intelligente e spigliata che non nasconde l’interesse nei suoi confronti e che con pazienza torna ogni volta da lui, cercando di farsi addomesticare come la volpe del “Piccolo Principe”.
Martina ha un master in editoria digitale, è al suo primo vero lavoro e, soprattutto, ha sette anni meno di lui.
"E’ solo una bambina…" si dice Simone, anche quando i suoi occhi profondi e scuri si posano sul corpo slanciato di lei, sui suoi seni appuntiti sotto alla maglietta, sulla bocca innocente che desidererebbe schiudere in un bacio appassionato… Però non è come con Anna Laura, con lei la passione si confonde con la tenerezza, la semplice amicizia si mescola ad un sentimento ancora difficile da ammettere, eppure Simone non vuole rischiare di perdere la testa e di soffrire ancora una volta…
"Accidenti a te!" Pensa, rivolto all’amico Fabio che gli chiede di intercedere con la ragazza, affinché la sua amica Carlotta torni a parlargli, anche se Fabio sa bene di aver sbagliato. In più, ci si mettono il collega gay Luca, la madre, la sorella, il nipotino Francesco, la nonna di Mantova, due scheletri preistorici abbracciati e persino Mirò… tutto sembra concorrere perché i pretesti per vedersi e stare insieme si trasformino in rituali che creano legami, anche se Simone non è per niente convinto che sia il caso…

[...] - … che cosa vuol dire “addomesticare”?
- È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire “creare dei legami”…
- Creare dei legami?
- Certo – disse la volpe – tu finora per me non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo [...] (Antoine de Saint-Exupéry – Il Piccolo Principe)  



Premetto che la mia opinione sarà molto oggettiva anche perché non conosco l’autrice e questa è la prima volta che leggo qualcosa di suo.
Innanzitutto ho trovato la storia molto romantica senza esserlo in modo eccessivo. 

Simone e Martina sono i due protagonisti. Sin dall’inizio della lettura conosciamo Simone che viene promosso neo-direttore della 'Fondazione bancaria' per cui lavora, succedendo ad Anna Laura che, oltre a esserne stata la direttrice, è la donna per cui aveva perso la testa. La partenza di Anna Laura, con la conseguente fine della loro storia, lasciano Simone con l’amaro in bocca. Infatti, dopo questa delusione, il ragazzo non ha alcuna intenzione di instaurare altri legami sentimentali, ma un giorno arriverà Martina a far vacillare la sua decisione.
Il carattere esplosivo e solare della ragazza farà provare a Simone un turbine di sentimenti contrastanti. Se da una parte Simone fa di tutto per allontanarsi da lei per non ferirne i sentimenti, dall’altra parte c’è Fabio, il suo migliore amico, che lo incita a frequentarla, perché vuole riconquistare l’ex, amica di Martina.
Galeotta sarà Mantova, la città natale del ragazzo, dove andrà a fare una visita alla nonna e al padre, con cui il rapporto non è tra i più rosei, e deciderà di portare con sé la ragazza.
In questa magica città le farà visitare il museo archeologico e, per la prima volta, inizierà a sentire qualcosa in più per lei.







'- Sono gli Amanti di Valdaro- le spiega Simone. - Io vengo a vederli ogni volta che posso… pensa che sono abbracciati da seimila anni.-
- Non sembrano abbracciati solo i loro resti mortali, sembra che siano abbracciate anche le loro anime, da tutto questo tempo. - osserva Martina – Anch’io vorrei un amore così! – afferma convinta, guardando maliziosamente Simone di sottecchi – Adesso che li ho visti, non posso accontentarmi di niente di meno.'









Non mi sbilancio a dire altro, giusto per non cadere in spoiler e rovinare la vostra lettura.
I dialoghi sono frizzanti e goliardici, ma ho trovato un po’ eccessivo l’utilizzo dei gerghi.
I due protagonisti sono interessanti, in modo particolare Simone di cui possiamo apprendere della sua crescita interiore e conoscerne fragilità e incertezze.
Se da una parte mi è piaciuto vedere il mondo di Simone, compresa la sua famiglia (adorabile il nipotino Francesco), mi è dispiaciuto non leggere lo stesso su Martina, insomma avrei voluto conoscere di più questa ragazza così esuberante.
Oggettivamente la storia è graziosa, ma diversi errori sulla struttura e sul testo ne hanno bloccato il potenziale. Con una maggiore cura dell'editing sono sicura che la storia di Simone e Martina possa avere la giusta rilevanza e, magari, essere “abbracciata più forte” da lettori come me.
Recensione di Cassandra Wox
(Editing a cura di Linda Bertasi)



IL VOTO DI CASSANDRA
 

Nessun commento:

Posta un commento