venerdì 5 agosto 2016

Recensione - KEEP CALM CON L'AMORE CI VUOLE PAZIENZA di Vivien Walker

Oggi vi presento il romanzo di Vivien Walker, dal titolo "Keep calm - Con l'amore ci vuole pazienza".
Torna a trovarmi un'amica che conosco da tempo e che non smette di stupirmi, cimentandosi in generi tanto diversi tra loro.
Ma andiamo a conoscere nel dettaglio questo romance contemporaneo.







SINOSSI: Cresciuta nell’agiatezza della sua classe sociale abbiente e con due genitori dediti a soldi e carriera, Fabiana Montanari, una giovane ragazza viziata e capricciosa, si diverte a combinare coppie tra i suoi amici, cosa in cui ritiene di essere la numero uno.
Tutta la sua vita scorre senza intoppi, accanto alle sue care amiche Daniela e Federica, fino al giorno in cui conosce il bello e misterioso Silvio Zanon. Fabiana capisce subito di non avere di fronte il solito idiota che non vuole altro che una notte di sesso con lei e, malgrado la sua naturale e innata superbia, non potrà fare a meno dell’aiuto di questo giovane ragazzo che ovviamente non la desidera, se non come cara amica.
Silvio sarà per Fabiana come un fulmine a ciel sereno, o meglio, come una vera e propria benedizione. Attraverso di lui, lei riuscirà a guardare la vita e a guardarsi dentro con occhi nuovi. Sarà grazie a lui che Fabiana incontrerà Patrice Ranieri, il suo primo grande amore, riuscendo a mettere da parte il suo smisurato orgoglio e capovolgendo per sempre le sue assurde priorità.
Travolta da mille avventure esilaranti, palpitazioni, equivoci divertenti e momenti incredibilmente romantici, riuscirà finalmente ad aprire il suo cuore all’amicizia e all’amore.





ROMA. Fabiana è benestante, trascorre le sue giornate tra lo shopping, le serie TV, gli amici e l'azienda di famiglia, dove si dà da fare aiutando i genitori come centrialinista.
E' una ragazza abituata a ottenere sempre tutto quello che vuole e, una sera, a teatro conoscerà Silvio, un giovane dal fascino irresistibile. Subito, ne è conquistata e cercherà di incrociarne nuovamente il cammino, inconsapevole del segreto che cela.
Quando tutto sembra perduto e l'umore della ragazza rischia di abbatterla, ecco spuntare nuovamente il sole all'orizzonte, incarnato in Patrice, un ragazzo fuori dal comune.
Il destino cosa riserverà a Fabiana? L'amore è dietro l'angolo e aspetta solo di sconvolgerle l'esistenza in una maniera insospettabile.



'Non sentivo rumori, non vedevo più nulla, percepivo soltanto una forza irresistibile che mi spingeva verso di lui, come un campo magnetico.
Cosa mi stava capitando? Non lo sapevo e la cosa più meravigliosa di quel momento, era proprio il fatto che non avevo la benchè minima voglia di spiegarmelo. Proprio io, che razionalizzavo praticamente tutto. Io, che mi nutrivo di cinismo a colazione, pranzo e cena. Ero in default, eppure per la prima volta mi sentivo veramente viva.' 



L'ambientazione è contemporanea; ci ritroviamo a passeggiare per Roma, la città eterna, attratti dai suoi scorci e dai locali alla moda. Un contesto a mio parere azzeccato per l'opera, si percepisce che l'autrice non si limita a descrivere i luoghi, ma li conosce personalmente.
La caratterizzazione dei personaggi è esaustiva; protagonista è Fabiana, una ragazza arrogante, superficiale, abituata a gestire la vita degli amici e asuefatta dal mondo di lustrini che la circonda.
Nonostante le apparenze, però, è una ragazza fragile che si è costruita un'armatura; la sua non è stata un'infanzia felice e l'ambiente domestico è privo del calore umano che contraddistringue una famiglia.
Fabiana affronterà un viaggio interiore particolare e mai scontato, sul suo cammino vi sono ostacoli, stereotipi da superare, e alla fine ritroveremo una protagonista molto diversa da quella che si era presentata a noi nelle prime pagine.
I protagonisti maschili sono due: Silvio e Patrice. Ho amato particolarmente Silvio, per la sua bontà d'animo e generosità; lo paragono a un angelo custode che arriva al momento opportuno e la aiuterà a individuare la via da seguire per essere finalmente felice.
E poi abbiamo Patrice, un ragazzo dal passato difficile e malinconico; è molto interessante il modo in cui incontrerà Fabiana e come entrerà a poco, a poco, nella sua vita. Ho trovato questo rapporto originale, diverso, non basato sui soliti cliché; e ci condurrà a un epilogo davvero imprevedibile per Fabiana.





'Per quanto mi fossi sempre sforzata di apparire felice e vincente, tutto questo non era valso a nulla, se non a rendermi ridicola con tutti e a sentirmi profondamente infelice.
Sola, nel mio letto, a tu per tu con me stessa, ormai non potevo più mentire.
Fabiana Montanari chi era in realtà?'





L'ironia è parte integrante del testo, ma non appesantisce e non diviene l'unica protagonista. Questo è sicuramente un romanzo "leggero", adatto per evadere dalla realtà, ma contiene anche dei temi importanti come: le dinamiche famigliari, l'egoismo, la separazione, l'amore inteso come "salvezza"; l'autrice punta anche l'obiettivo sulla società moderna e gretta, basata sull'apparenza più che sulla sostanza.
La scrittura è fluida, non stanca, ci sono frequenti riferimenti all'epoca in cui è ambientata, con accenni alla tecnologia e ai film Cult. 
In particolare, Vivien cita "Emma" di Jane Austen che, in un certo qual modo, è presente in tutto il testo. Questo è un romanzo che potrei definire, almeno per quanto riguarda l'inizio, una trasposizione moderna del capolavoro della Austen: anche Fabiana come Emma vuole gestire i rapporti degli amici, come l'eroina austeniana è arrogante e presuntuosa, ma la vita ha altro in serbo per lei.
Un altro elemento azzeccato è la religione e il volontariato, due ingredienti originali per un romance, diversi, che stimolano a proseguire nella lettura e che contribuiscono a creare dimaniche convincenti.
L'unico appunto, per quanto mi riguarda, sono le eccesive infodump presenti all'inizio del testo: le divagazioni che fa l'autrice per descrivere il percorso dei personaggi sviano da ciò che sta capitando; fortunatamente questo accade solo quando ci vengono presentati i personaggi.




'Era come se la mia anima non resistesse alla sua. Se lui mi era vicino, sentivo che non potevo non essere me stessa, quella Fabiana che avevo messo da parte ormai da un tempo infinito.'





"Keep calm - Con l'amore ci vuole pazienza" è la storia di una ragazza in divenire e del suo percorso di crescita. I valori effimeri della società sono incarnati in una protagonista dall'infanzia difficile che maturerà sino a trasforarsi in una persona riflessiva e consapevole tanto dei propri limiti, quanto del proprio potenziale.
Sullo sfondo di una Roma moderna e accattivante, la storia di un amore delicato e forte al tempo stesso, capace di scrostare la patina superficiale che avvolge Fabiana e farle scorgere la realtà dei sentimenti, sepolta sotto la polvere dell'apparenza. 
Consigliato agli amanti del genere romance e ironico, a chi cerca una storia per evadere dalla realtà e ai romantici. 

'Una persona può davvero considerarsi fortunata nella vita perchè possiede denaro e posizione sociale? Alla fine tutto quello di cui si ha bisogno nella propria vita è di sentirsi amati e desiderati.'


2 commenti:

  1. Che recensione favolosa, non ho parole... Hai colto il fulcro e i significati intrinsechi della trama. Non so se merito tanta generosità, ma sono felice che ti sia piaciuto, nonostante non sia il tuo genere preferito. Grazie di vero cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara <3 Sono felice ti sia piaciuta!

      Elimina